Una nuova corrente nel mare di Piazza Giorgini: apre il Ristorantino di Pesce

Un tempo Piazza Giorgini era legata, dal punto di vista culinario, al celebre ristorante dei Fratelli Briganti, ma negli ultimi anni si sono affacciate altre realtà ristorative, che hanno assai cambiato la vita di questa Piazzetta di quartiere, basti pensare alla Farmacia dei Sani, al Thai, al Panino Tondo (tenetelo a mente) e, per i notturni, alla Giovanna (tecnicamente “Il re della Foresta”).

L’ultimo tassello di questa trasformazione è stato posato lo scorso 4 novembre da Samuele Gallori e il suo Ristorantino di Pesce.

Ma chi è Samuele Gallori?
Samuele Gallori nel 2010 ha avuto un’idea: creare un food-delivery con un ottimo rapporto qualità-prezzo, esatto: proprio il Panino Tondo.
L’idea si sta dimostrando vincente e il Panino Tondo sta diventando una realtà affermata e in crescita tra i fiorentini, tanto da permettergli di aprire altri 3 sedi in pochi anni.

Ma per Samuele, che in famiglia vanta una lunga tradizione legata al pesce, il richiamo del mare è sempre stato presente. Così, ora che PaninoTondo è una macchina ben avviata, ha deciso di realizzare il suo sogno, là dove tutto era iniziato, nel 2010, al numero 20/r di Piazza Giorgini: aprire il Ristorantino  di Pesce.

 

Ma chiariamoci subito: non è il classico ristorante dell’immaginario collettivo.
Infatti si inserisce nella scia dei fusion fast food di qualità. Ossia quei locali che inseguono l’originalità come ossessione, cantata da Rino Gaetano, che anche io, francamente, nun reggae più.

Ma stacchiamoci dal concettuale e andiamo più sul concreto.
Il posto, una sala da trentina coperti, è molto semplice, tra lampadari di corda e decorazioni modello tattoo da marinaio sulle pareti.
Cosa si mangia?
Come detto, la cucina del Ristorantino di Pesce riprende la filosofia fusion, facendo sposare la tradizione Toscana, prima con quella sud Italia, poi con quella Latina e quella Tex Mex, in una poligamia di sapori sicuramente originali e non convenzionali.
Ed è grazie all’arteficio della Tapas, che i fruitori potranno spaziare tra i diversi sapori delle diverse tradizioni. God save the Tapas.

 

Gli ingredienti sono di qualità, prerogativa abbastanza fondamentale per un ristorante di pesce; e lo stesso si può dire per la carta dei vini.

Il Ristorantino di Pesce rappresenta una valida alternativa per chi a pranzo deve mangiare un boccone di corsa per poi tornare a lavoro ed è stufo dei soliti panini e pizzette, ma anche una buona scelta per una cena lontana dai soliti piatti, il tutto a prezzi abbordabili.

A presto amici scapigliati,
Alessandro Fino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...